In quest’ultimo anno diverse sono state le mostre che abbiamo visitato, ma quella di Van Gogh Alive (a Roma – Palazzo degli Esami fino al 26 marzo 2017), è stata un’esperienza particolare, a 360 gradi!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Grazie a dei proiettori ad alta definizione abbiamo potuto ammirare le opere dell’artista olandese su schermi di varie dimensioni o sulla superficie di muri e pavimenti che ci circondavano nelle sale espositive coinvolgendoci completamente.

Ovunque girassimo lo sguardo potevamo osservare i dipinti del pittore che man a mano venivano mostrati. da vari punti di vista, cogliendone fino anche i più piccoli dettagli, ci sembrava quasi di far parte dell’opera stessa.

Il sottofondo musicale che accompagnava l’intera mostra, (comprendeva artisti come Vivaldi, Bach e Schubert solo per citarne alcuni), contribuiva a creare un ambiente unico. Ogni nota musicale rendeva vivo il quadro e ci trasportava direttamente della sua realtà.