Al Guido Reni District a Roma in uno show incantato si rivivono le meravigliose avventure di Alice grazie alle animazioni digitali delle  illustrazioni originali del libro di Lewis Carroll…e come possiamo perderci questa esperienza?

Questo slideshow richiede JavaScript.

La risposta è “non possiamo”, la decisione di andare infatti viene d’istinto, senza neanche pensarci.

“Comincia dal principio, e continua fino alla fine: poi fermati”

Emozione, magia e un pizzico di follia. Sono queste le sensazioni che si fanno largo dentro di noi mentre siamo in attesa che il sipario rosso davanti a noi si apra e ci permetta di entrare nella sala dove il fantastico mondo di Alice prenderà vita.

Finalmente il momento arriva, attraversiamo la tana del bianconiglio e arriviamo in un bosco magico, in cui possiamo sedere dove vogliamo, spostando a nostro piacere i cuscinetti a forma di fungo.  Le luci si abbassano,  i maxi schermi che ci circondando si accendono, il viaggio inizia e… in un battito di ciglia torniamo bambine.

La voce narrante di Ennio Coltorti ci trasporta nel Paese delle Meraviglie e le avventure di Alice si animano tutt’intorno a noi. Su ogni schermo ci sono le stesse scene, ma a seconda di dove volgiamo lo sguardo cambiano il punto di vista e la prospettiva.

“Qui Siamo Tutti Matti”

Terminata la proiezione sgattaioliamo via dal bosco percorrendo un lungo buco della serratura illuminato e ci ritroviamo nella zona giochi in cui ci divertiamo ancora per un po’ con i pannelli tattili e gli specchi deformanti.

E poi giunge il momento di uscire, con un po’ di tristezza abbandoniamo la dimensione surreale che ci ha risucchiato e… in un battito di ciglia rieccoci tornate adulte (o quasi). 😉

“Sapeva che sarebbe stato sufficiente aprire gli occhi per tornare alla sbiadita realtà senza fantasia degli adulti.”