Eccoci a Boston, è la primavera del 2014 e il viaggio post-laurea tanto agognato, organizzato e desiderato comincia.

Avendo già intrapreso un corso d’inglese a Roma, frequentato tra una lezione universitaria e l’altra, decidiamo di approfondire la conoscenza della lingua e quindi di iscriverci ad una scuola anche durante la nostra permanenza a Boston, questa volta con la possibilità di immergerci completamente nella cultura americana e nel famoso accento bostoniano.

La nostra “giornata tipo” inizia la mattina presto, le lezioni sono dalle 8 alle 14. I ricordi a cui siamo più legate forse sono proprio quelli dei momenti vissuti nella scuola. Divertenti ore trascorse con ragazzi provenienti da diverse parti del mondo senza i quali il nostro viaggio non sarebbe stato lo stesso!

Dalle 14 in poi siamo libere e via alla scoperta della città. Lunghe, lunghissime traversate, il cui risultato si traduce in muscoli delle gambe super tonificati e paesaggi , strade e parchi impossibili da dimenticare.

Beacon Hill, Copley Square, Boylston Street, Newbury Street, Cambridge, Harvard, MIT, il Charles River, Boston Common, il Freedom Trail, il Quincy Market, il New England Aquarium, la John Hancock Tower, la Boston Public Library, il Prudential Center, lo Skywalk Observatory, e il nostro caro appartamento in Park Drive con davanti il bellissimo parco Back Bay Fens è tutto impresso per sempre nella nostra mente.

Assistere dai famigerati spalti del Fenway Park ad una mitica partita di baseball ed entrare nello spirito dei tifosi dei Boston Red Sox ci fa vivere delle emozioni difficili da tradurre in parole.

Durante qualche fine settimana riusciamo anche a fare delle gite fuori porta, abbiamo incontrato le streghe di Salem e ci siamo fatte affascinare dalle spiagge rocciose di Rockport.

Dopo un mese però l’ora di lasciare Boston purtroppo arriva.

Ciao Boston, sei stata davvero generosa con noi, il tuo skyline non è solo lo sfondo dei nostri desktop ma è anche lo sfondo dei nostri sogni ad occhi aperti, un pezzo del nostro cuore è tuo!

La tristezza di lasciare questa città si sente, ma presto lascia spazio all’entusiasmo per la nuova avventura che ci aspetta dietro l’angolo…. è il momento di vivere NEW YORK!!

Stay Tuned… 😉