Estate: abbronzatura più duratura e uniforme

Quest’estate in materia “abbronzatura” ci stiamo impegnando per bene, abbiamo iniziato la stagione  preparando la nostra pelle a ricevere i primi raggi solari ed ora in riva al mare e a bordo piscina siamo super  attente a proteggerci dai raggi uv.

Il nostro prossimo step? Sicuramente riuscire a mantenere l’abbronzatura il più a lungo possibile e metteremo tutta la nostra forza di volontà affinché questo avvenga. Ti unisci a noi in questa “missione”?  😀

Bene, allora ecco cosa dobbiamo fare:

  •  Innanzi tutto è necessario esfoliare la pelle prima di esporla al sole; utilizzando degli scrub corpo, oltre a rinnovare l’epidermide rendendola più luminosa, ci garantiamo anche un’abbronzatura più duratura.
  • A questo punto la parola che dobbiamo tenere bene in mente per raggiungere il nostro scopo è solo una: idratazione.
  • Idratiamoci, prima, durante e dopo le nostre sessioni solari!

 –    Bere acqua frequentemente ovviamente è il primo passo fondamentale.

 –    Spalmare una crema protettiva ed emolliente, oltre a proteggerci dai raggi ultravioletti ci evita quelle brutte scottature che danno il tipico colore “aragosta” alla pelle facendola spellare rapidamente. Adoperando una buona protezione invece ci coloreremo in maniera più graduale e la nostra tintarella si manterrà sicuramente più a lungo.   

–     Per evitare la secchezza dell’epidermide e la sua conseguente desquamazione, l’idratazione deve continuare anche dopo l’esposizione solare, un buon prodotto doposole è quello che ci serve.

–     La doccia fresca è nostra alleata, al contrario di quella calda (acerrima nemica), ci assicura una pelle morbida e uniforme.

  • Un ulteriore supporto ci arriva dal cibo. Facciamo il pieno di alimenti che contengono beta-carotene (come carote, albicocche, mango, meloni, pomodori..) perché  hanno la capacità di intensificare l’abbronzatura e sono anche ottimi strumenti per combattere l’invecchiamento della pelle!

Ok, noi siamo decise a darci da fare per mantenere a lungo la nostra tintarella, e tu?