In fuga a Lisbona -Torre-de-Belém

Dopo Helsinki  e Tallinn abbiamo deciso di passare qualche giorno a Lisbona, dalle fredde città del Nord Europa al caldo del Portogallo.

Avevamo pochi giorni a disposizione per goderci le nostre vacanze, per cui abbiamo pensato di concentrare 4 giorni, intensi, da passare insieme.

Se anche tu stai pensando ad un weekend lungo e per di più a Lisbona, qui puoi trovare qualche consiglio pratico su come organizzare le tue giornate portoghesi.

Entrambe non ci eravamo mai state e internet si è rivelato, come al solito, la guida perfetta per studiare un po’ la città e capire bene come muoverci per poter vedere tutti gli angoli nascosti e tutte le meraviglie che questa città poteva offrici.

Il Bairro Alto è il cuore pulsante di Lisbona in cui si concentrano il maggior numero di attrazioni e di attività, ma ci sono anche altre zone da vedere, per questo avendo a disposizione solo 2 giorni pieni abbiamo pensato bene di suddividere, mentalmente, la città in due giornate, una dedicata alla parte ovest e l’altra alla parte est.

Il primo giorno il nostro tour inizia con la Torre di Belém e la sua bellissima vista, il Mosteiro dos Jerónimos e il meraviglioso Jardim da Praça do Imperio. Tappa obbligatoria, proprio a due passi dal monastero, è la Pastéis de Belém, una famosa pasticceria con i dolcetti tipici portoghesi.

Torre de Belém- Lisbona

Lisbona - Torre de Belém

Torre-de-Belém

In fuga a Lisbona - Torre de BelèmLisbona-Torre-de-Belém

Torre de Belém- Lisbona

Lisbona- Torre de Belém vista Sulla-Torre-de-Belém

dentro-la-torre-de-belèm  Lisbona-Agnese-Elisa Torre-de-Belem-vistaMosteiro dos JerónimosJardim da Praça do ImpérioJardim da Praça do Império- LisbonaJardim da Praça do Império- In fuga a LisbonaPastéis de Belém- LisbonaBasilica-de-Estrela

Da qui, già in lontananza si intravede il Ponte 25 de Abril (davvero affascinante, per fattezze, colore e dimensioni potrebbe sembrare il famoso ponte di San Francisco… forse un giorno riusciremo anche ad andare li 😉 ). Proseguendo e passando sotto il ponte siamo arrivate al Palácio das Necessidades, anche qui c’è un panorama mozzafiato. Avvicinandosi alla parte più centrale, verso il Bairro Alto, siamo arrivate fino alla Basílica da Estrela.

Ponte-25-de-Abril-lisbonPalácio das NecessidadesBasilica-de-Estrela

Tra una foto e l’altra si sono fatte le 17.30 e, secondo le guide online e i vari consigli ricevuti dai nostri amici, quasi l’orario perfetto per salire sul famoso Tram 28 ed evitare di attendere a lungo per prenderlo. È un tram normale ma è caratteristico tra i turisti perché passa vicino alle maggiori attrazioni di Lisbona, per cui dalla Basilica, prendiamo il Tram 25E che ci porta direttamente a Praça da Figueira a pochi passi dalla fermata del 28. È vero abbiamo fatto qualche minuto di coda ma tutto fattibile. Un consiglio che ci sentiamo di dare, noi salendo ci siamo separate in modo da vedere entrambi i lati, ma è meglio trovare posto nel lato sinistro del tram all’andata e lato destro al ritorno, si gode meglio della vista ;). Il giro completo è durato molto, circa 2 ore ma è stato ugualmente caratteristico 🙂

tram-28- lisbona

Dopo il tram la fame comincia a farsi sentire e per la cena decidiamo di restare nella zona del Bairro Alto, in un locale che si chiama “The Wine Cellar”, più un’enoteca che un ristorante. Oltre a dei buonissimi vini il menù prevede molti piatti, vegetariani e non. Non essendo molto ferrate nella scelta dei vini ci siamo fatte consigliare dal ragazzo che dopo alcune semplici domande è stato in grado di portarci un buon vino bianco che ha accompagnato la serata….

To be continued..